Una vita tra le nuvole

•21/03/2010 • 4 commenti

Anno strano il buon vecchio 2009. Un anno intero vissuto tra le nuvole … sulle nuvole … nelle nuvole … con le nuvole ! Si , con la testa soprattutto , ma quasi sempre anche con il resto del corpo , bagagli compresi .

(dite che non somiglia a un koala?)

Capita . Ad un certo punto la vita ti sorprende e tu non puoi far altro che cercare di starle dietro . Perché tanto lo sai , é lei che comanda!

Ed è così che è andata , anche per me : senza il minimo preavviso la vita ha scelto per me giorni d’aria , fatti di valige , a volte piene a volte vuote , di dogane , biglietterie , decolli , atterraggi , nausee , mal d’orecchie , stordimento , microsonni , biscottini confezionati , succo d’arancia artificiale , aria condizionata sulla testa ,dolori al collo , taxi , bus , code , ritardi , scioperi , smarrimenti , scali , imprevisti , rimborsi , carte di credito esauste , conti da far quadrare , stanchezze da non sentire , mancanze perenni , sorrisi a scadenza , esistenza a spicchi  sparsi su lunghezze infinite .

Eppure devo dire grazie a questa vita casinista .  Perché é l’amore che la lega a questo meraviglioso delirio!

Grazie . Però la vita si è dimenticata di fornirmi anche di segretaria personale o quanto meno di darmi in dotazione uno di quegli aggeggi supertecnologici che sono sempre lì a ricordarti di avere ANCHE una vita “terrena” . Si perché qui sotto gli esseri umani hanno anche delle cose che si chiamano “scadenze” ; che so , tipo fare la revisione alla macchina ? Tipo pagare l’assicurazione ? Tipo pagare il bollo ? Andare dal dentista ? Pagare le tasse ? O magari RINNOVARE LA PATENTE CHE E’ SCADUTA DA UN ANNO???????????????????????????????

Ora capirete che non posso non dire GRAZIE  a questa vita , perché insieme al delirio si è almeno ricordata di regalarmi anche una enorme dose di fortu… no no , in questo caso si chiama proprio CULO! Sono ancora viva  e in libertà! Guido da un anno SENZA PATENTE  , ho percorso 10000 km da Torino a Capo Nord attraversando decine di stati , sono stata fermata almeno 4 volte da polizia , carabinieri , finanza e polizia municipale , ho guidato auto non mie … e adesso lo so , c’è un post-it giallo a ricordarmelo , dice così ” SI RACCOMANDA AI GENTILI PASSEGGERI DI NON DIMENTICARE EFFETTI PERSONALI … TESTE COMPRESE ! ”

Grazie vita mia … per l’amore che mi hai dato e perchè un giorno , grazie a te , (dal carcere) scriverò un libro e farò un sacco di soldi!

Annunci

Raptus creativo

•08/03/2010 • 6 commenti

Ogni tanto la mamma mi costringe (non è che proprio mi leghi , però diciamo che sa come convincermi !) a lunghe sessioni di decoupage .

Sabato addirittura mi sono puppata 3 ore di corso intensivo ; immaginando di non essere troppo interessata alla materia ho pensato ( perchè ogni tanto penso anche…) che avendo a portata di dito la mia fedele macchina fotografica la sessione sarebbe stata di gran lunga più produttiva . In effetti , ho scattato diverse foto (nonostante alcune vecchiette permanentate alla Marge Simpson mi ostruissero costantemente la visuale), ma inaspettatamente , una volta a casa , mi è venuta voglia di provare a mettere in pratica le tecniche apprese .

Niente di troppo complicato , intendiamoci , però pare che la mamma abbia apprezzato il risultato … (e il regalo)

Ingredienti : Cornice IKEA 18*24 in legno grezzo (che stava lì da una vita in attesa di destinazione) , una bella scartavetrata per rendere la superfice lissssssiaaaaa, applicare un doppio strato di gesso acrilico (lasciare asciugare bene tra una mano e l’altra … e se , come me , siete iperattivi , aiutatevi con il phon!!!!) .Pittura di base  color perla. Mentre attendete che asciughi recuperate dei fiori finti e dipingete anche questi con la stessa base . Aggiungete un tocco di colore con leggere sfumature lilla ottenute con apposito pennellino per sfumature (non ho idea di quale sia il nome tecnico dell’arnese!) , sia sulla cornice che sui fiori . Finitura lucida con vernice trasparente super gloss (ANCHE SUI FIORI ) ……………. infinito tempo di asciugatura naturale ( ma solo perchè non avevo più punti di presa e non riuscivo ad usare il phon!!!) .  Una volta asciugato il tutto incollate i fiori con la colla a caldo ( ebbene si , la mamma è fornitissima anche di superpistolone di colla a caldo ) . Voilà !

Ah dimenticavo … mentre tenterete di scollare indice e pollice che inevitabilmente vi saranno rimasti incollati cercate di non tirare via anche parte delle impronte digitali !!!!

Buona decoupata a tutti !

Licenza di ridere …

•04/03/2010 • 5 commenti

B: E. , é l’ORA SEGRETA , andiamo?

E:Ehhhh?

B : Sono le  0:07 andiamo ?

E: …

Stupore e Tremori – Amélie Nothomb

•01/03/2010 • 3 commenti

ATTENZIONE : il testo che segue contiene anticipazioni sulla trama dell’opera

Un bel ruzzolone giù dalla scala sociale , quello di Amelie Nothomb : da tubo a Dio , da Dio a martire , da martire a … “guardiana dei cessi” ! Beh , ma non dei cessi qualunque , in effetti ; non vorreste anche voi pulire diligentemente , in silenzio e a testa bassa i cessi della grande , enorme e potente multinazionale che vi aveva assunto come INTERPRETE?

Amelie racconta con tutta la sua magnifica ironia e il suo piccantissimo sarcasmo la sua devastante esperienza alle dipendenze della Yumimoto delineando un inquietante panorama sulla società giapponese e non lasciando margini di dubbio sul ruolo giocato dalle poche donne che sopravvivono…e come sopravvivono!!!!!

Vi troverete con i nervi a fior di pelle , assumerete la posizione del loto nel disperato tentativo di non ammazzare nessuno , tiferete a gran cuore perché Amelie non molli l’osso e non la dia vinta ai suoi capi/mostri …e vi verrà da ridere , ooohhh se vi verrà da ridere ; e per questo vi sentirete in colpa ma non riuscirete a resistere ai taglienti colpi bassi di una Amelié spassosissima.

Non è uno stile facile da comprendere quello della Nothomb , spesso molto semplice , privo di quell’arte poetica e favoleggiante tipica di scrittori come Baricco , per dirne uno ; sono parole pure , pochi fronzoli , molta sostanza ; non vi sarà facile trovare un filo conduttore fra i suoi tanti scritti , ma se saprete godere del momento , sono certa , vi regalerà ottime letture (e alcune massime che non potrete non annotare e portare sempre con voi )

Per chi si approcciasse per la prima volta alla Nothomb il Koala consiglia :”La Metafisica dei tubi” (e lo consiglia caldamente soprattutto a chi volesse sapere come si diventa Dio…. ?!?)

BUONA LETTURA A TUTTI

<Non che LA giapponese sia una vittima , tutt’altro . Tra le donne del pianeta non è certo la più sfavorita dalla sorte . Il suo potere è notevole : so quel che dico . NO , SE BISOGNA AMMIRARE LA GIAPPONESE (e bisogna farlo) E’ PERCHE’ NON SI SUICIDA.>

Delirium

•24/02/2010 • 5 commenti

Sogni ?

Troppo reali per esser tali , eppure sogni .

Sfogo notturno di un inconscio represso , desiderio sfuggente di realtà altre , paure nascoste stanche dell’ombra ; cumuli di pensieri , di anni , di vite , di ragioni , di torti , di eventi , di cose , di case , di parole , quelle dette e quelle no ; mai incubi , sempre sogni .

Apro gli occhi e lo so , che era un sogno , non un incubo . Sudo . A volte piango . A volte rido . A volte rodo.Ma era un sogno , mai un incubo .

E il sogno varca il suo proprio confine , accompagna il passare lento e faticoso delle ore , attaccato al mio dentro che tenta debole di trovare scampo , ma lo sa , è impossibile . Resterà lì , piantato con le unghie , finchè non gli avrò dato pace , finchè non ne avrò trovata la ragione : un predatore non molla mai la preda , finché essa non smette di dimenarsi !

E il sogno sono io ; e sono preda e predatore .

Sono stanca , forse per questo non dormo .

Non dormo , forse per questo sono stanca .

Gira la testa , girano i pensieri .

Gira la vita sulla sua sua ruota .

Non posso smettere di sognare , non posso smettere di girare .

Un respiro , dunque , profondo e fiducioso … e ancora una volta salto su ,  in corsa !

Tutta colpa della primavera.

zzz…zzz

Super SANSCEMO …Sanremo , volevo dire Sanremo!!!!

•19/02/2010 • 7 commenti

Eh no , dai nooooo, anche questo nooooooo!!!

Avevo già faticato a digerire la faccenda MorganmipippotuttelestriscepedonalidItalia , ma adesso stiamo esagerando !!!

EmanuelemisoscordatolitaGLIano e Beleninaprezzemolinadellatelefonia NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!

Dai abbiamo passato la sooooogliaaaa!

Secondo voi al prossimo Sanremo “canterà” anche il Berlusca?

LA CHICCA DEL GIORNO

(io e mamma in una serata ammazzatempo davanti alla tv…ora siete testimoni , Sanremo ammazza i neuroni !!!)

M:Oh madonna … ma sembra na mummia Nilla Pizzi!

E: Si , a giudicare da come farfuglia mi sa che le hanno aperto il sarcofago giusto giusto per l’occasione!

M: Ma non si capisce niente , non potrebbero evitare?

E: NILLAAAAA ,taaaaaciiii , piuttosto scrivici un PIZZIno come nonno Berny , che magari ti riesce meglio…

M dopo mezz’ora abbondante : UAZ UAZ UAZ non l’avevo capiiiiitaaaa!

E: … !!! … eh , torna nel sarcofago anche tu con Nilla va!

(io comunque sono da buttare)

Bugs…

•18/02/2010 • 3 commenti

Vite perfette (o quasi ) .

Esseri umani insospettabili (o quasi ) .

Eventi impossibili (o quasi ) .

Moventi inesistenti (o quasi ) .

Spiegazioni introvabili (o quasi ) .

STORIE INIMMAGINABILI (o quasi ) .

Se fai silenzio a sufficienza , a volte , puoi sentire il treno sul binario parallelo . A volte , anche , puoi sentirlo deragliare.

Rasenta la paranoia il pensiero dell’apparentemente impossibile , apparentemente lontano , apparentemente d’altri.

Eppure …

Un giorno ti svegli e scopri che tra gli altri , ci sei anche tu!

<Hai mai fatto un sogno tanto realistico da sembrarti vero? E se da un sogno così non dovessi più svegliarti………..?>

(Matrix)


<Adesso ti dico perché sei qui. Sei qui perché intuisci qualcosa che non riesci a spiegarti. Senti solo che c’è.>

(Matrix)