Spazio libero per blogger di passaggio …(e deliri vari)

Questo spazio è per VOI …

Voi che avete cercato “Australia” su Google sperando in immagini da sogno e siete stati sparati qui , dove di australiano c’è ben poco .

Voi che siete partiti da un link e poi avete seguito un altro link e poi vi siete persi al bivio tra il secondo e il terzo link e siete capitolati al quarto arrendendovi all’inevitabile conclusione che “tutte le strade portano dal Koala”.

Voi che avete seguito l’inconfondibile odore di spritz all’eucalipto e vi siete fermati per un aperitivo in compagnia .

Voi che stavate cercando me , si , proprio me , ma oggi non avete per niente voglia di commentare i miei post (che , bisogna ammetterlo , a volte sono un pò logorroici !).

Voi che siete messi maluccio , tra mille spese , lavoro , fidanzati/e , figli/e, mariti/e…ah no mogli , cani , gatti , topi , pappagalli , traslochi , altri duecentoblog e … insomma voi che , oggi , avete appena appena il tempo di lasciare un salutino volante.

Voi che siete maniaci dell’ordine e anche un tantino pignoli e non osereste mai lasciare un commento non a tema su un post , ma avete da darmi una comunicazione generica urgentissima e vitale e non sapete dove caspita lasciarla senza urtare la vostra (e la mia) sensibile pignoleria maniacale.

Voi che avete i neuroni in pausa caffè e volete esternare il vostro delirio del momento.

TUTTO VOSTRO QUI … POTETE SCRIVERE LE PEGGIORI BOIATE CHE VI PASSANO PER IL CERVELLO E ANCHE QUELLE CHE IL CERVELLO NON LO VEDONO NEMMENO COL BINOCOLO !

CHE IL DELIRIO ABBIA INIZIO…

Annunci

8 Risposte to “Spazio libero per blogger di passaggio …(e deliri vari)”

  1. VORREI RICORDARE A TUTTI I LETTORI CHE PASSERANNO DI QUI CHE E’ USCITO IL NUOVO FANTASTICO NUMERO DI “THE BEST MAGAZINE” .

    BUONA PASQUA E BUONA LETTURA A TUTTI

  2. oh cacchio … !

  3. … ho appena fatto la cacca!!! (Grande Bambi!)

    @Sol e Arthur : avanti confessate … vi state sbellicando alle mie spalle immaginando la mia faccia di fronte ai vostri scritti ….lo so lo so , vi veeeedooooooooooo!(delirio di onnipotenza)

    ps: ma quanto sto ridendo?https://s-ssl.wordpress.com/wp-includes/images/smilies/icon_lol.gif

  4. “e disse la vacca ar mulo..quanto te puzza er c**o,rispose il mulo alla vacca…………………..”
    e poi continuate vobis!

  5. E TU PER QUALE DELIRIO SEI?

    – delirio da collasso: condizione transitoria che si verifica frequentemente nelle malattie acute, in concomitanza con la cessazione di stati febbrili;

    – delirio di influenzamento o delirio di riferimento: il paziente attribuisce un significato speciale a oggetti, eventi o persone a lui prossime;

    – delirio da toccamento: consiste nella mania eccessiva di toccare alcuni oggetti;

    – delirio nichilista: si riscontra nelle depressioni melanconiche, ed è costituito da un ammasso incoerente di idee negative;

    – delirio onirico: consiste in un perturbamento della coscienza che conduce a emozioni simili a quelli presenti nella fase onirica; la coscienza del perturbato entra in una fase tale da non riuscire a distinguere la realtà dal profilo onirico di essa stessa.

    – delirio interpretativo: il soggetto interpreta fatti casuali come fatti a lui legati, sentendosi l’attore principale o sentendosi indicato come parte in causa;

    – delirio di persecuzione: il paziente ritiene di essere oggetto di una persecuzione (situazione spesso identificata anche col termine paranoia);

    – delirio bizzarro: il paziente aderisce a un sistema di credenze totalmente non plausibili (nella cultura di riferimento);

    – delirio di controllo: il paziente è convinto che i propri pensieri o le proprie emozioni siano sotto il controllo di qualche forza esterna;

    – delirio di inserimento: simile al precedente; il paziente è convinto che alcuni dei suoi pensieri gli vengano imposti da una forza esterna;

    – delirio erotomanico o erotomania: il paziente è convinto che una certa persona (spesso una celebrità) sia segretamente innamorata di lui;

    – delirio di gelosia: il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva di essere tradito dal proprio partner;

    – delirio di grandezza o megalomania: il paziente ha la convinzione di essere estremamente importante, per esempio di essere stato prescelto da Dio per compiere una missione di fondamentale importanza, o di essere l’unico detentore di conoscenze o poteri straordinari;

    – delirio somatico: il paziente è convinto che il proprio corpo abbia qualche cosa di inusuale, come una rara malattia, qualche tipo di parassita o un odore sgradevole;

    – delirio di trasmissione del pensiero: il paziente è convinto di esprimere inconsapevolmente i propri pensieri a voce alta, o comunque che gli altri possano percepirli.

    Liberamente tratto da Wiki_pedia 😆

  6. Hihihihihiiiiiiii… non volevi il delirio?

    Questo pezzo l’avevo scritto in risposta ad un commento di api e te l’ho riproposto pari pari, giusto perché hai detto che amo il delirio delle parole, cosa che ho confermato e che qualcuno ha definito (Elle) “disorientamenti letterari”… ma non è detto che non debba delirare ancora in questo spazio, anzi, ti dirò che adesso mi sento già meglio… 😆

  7. Alla faccia del delirio … mi gira la testa ! Sarà stato u filu’e ferru ???????? :O

  8. Hihihihihiiiiiiii… è qui che t’aspettavo… 😆

    Il Pelide Achille, figlio di Peleo, re di Ftia in Tessaglia, il pié veloce della mitologia greca, s’intrufolò dalla porticina secondaria del palazzo del re, non senza aver prima sgranocchiato una pannocchia di granturco che aveva rubato dal paniere che si trovava in cucina, senza che Genoeffa, (la cuoca cubana fatta venire dal padre dalle Isole Cicladi, che era cresciuta a Mykonos fino all’età di tre anni e poi lo zio d’America l’aveva portata a Paros, non senza essere passato prima da Ios e Milos, lasciando Santorini e Creta lontano dal loro tragitto… ), se ne fosse accorta.
    Era un ragazzo di una bellezza che ai tempi era considerata splendida splendente, per le evanescenti miriadi di raggi luminosi che da sera a mattina senza alcun premeditato intendimento di sorta, emanava, donando forza e coraggio alle popolazioni che vivevano nelle immediate vicinanze del castello principesco che il re aveva voluto costruire, copiando di sana pianta il castello di Canterbury, che si trovava nella Scozia meridionale, girato l’angolo a destra, verso i paesi Scandinavi che poi se ci pensate avevano qualcosa in comune con le popolazioni Hawaiane della Groellandia settentrionale.

    La sua ira, fu destinata a fare scalpore, soprattutto quando una sera, trovandosi senza una ragione ben precisa a dover fare i conti con un portafoglio ormai vuoto, si vide recapitare un conto salatissimo, per aver mangiato soltanto due porzioni di pane carasau, una porzione abbondante di suppa cuata, insieme ai malloreddus acompagnati dai culurgionis, perché a lui i ravioli dalla forma solitamente quadrata, rettangolare o tonda, preparati con la semola, ripieni di ricotta e bietole, o di formaggio, o di patate e zafferano che si preparano con ricchi ragù accompagnati dal pecorino grattugiato piacevano tanto, e poi, visto che aveva ancora fame, si era fatto una cofanata di porceddu’, tipico maialino cotto alla brace e servito su vassoi di legno o di sughero con foglie di mirto, e una pecora in cappotto, bollita con patate e cipolle.

    Per finire i is pabassinas, ovvero gli amaretti, con l’aggiunta di uvetta passa e sapa, non senza quattro o cinque bicchieri di filu’ e ferru, che a lui piaceva tanto tanto.

    Liberamente tratto da Wiki_arthur…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: